SPOILER ALERT: dalla CONSOB le prime voci sul regolamento dell’equity CF- Equity crowdfunding law for Italy

Poche ore fa alla conferenza di Mission Continuity, a Milano, il vicedirettore della CONSOB, D’Agostino, ha anticipato che il regolamento per il crowdfunding sarà rilasciato domani o al più tardi lunedì.

Dalla presentazione riguardo alla normativa che verrà presto pubblicata, spiccano i seguenti cambiamenti rispetto al testo di consultazione rilasciato a marzo scorso (vedi il post):

  • Le imprese innovative si potranno registrare ad una piattaforma anche senza avere già trovato un investitore professionale disposto ad investire almeno il 5% del capitale offerto. Questa figura sarà richiesta solo al fine di perfezionare la raccolta del capitale.
  • Tra le categorie di investitori professionali che la CONSOB ammette rientrano anche gli incubatori.
  • Sui gestori delle piattaforme di CF ricade il divieto di interlocking, cioè di prestare la propria professionalità per gestire altre piattaforme di CF, e di fare consulenza agli investitori  sulla piattaforma.
  • Per quanto riguarda gli amministratori delle piattaforme non esecutivi, la Consob ha ridimensionato i requisiti di professionalità, permettendo l’accesso a tale posizioni anche a persone che non abbiano avuto esperienze nel settore finanziario, requisito che invece permane per i CEO dei portali.
  • Maggiori garanzie informative sono richieste ai crowdfunders che dovranno rispondere a dei test per dimostrare di stare investendo consapevoli del rischio che corrono e di essere in grado di sostenere economicamente l’eventuale totale perdita della somma investita.

 

Infine la CONSOB ha predisposto alcuni indicatori, con i quali, nel giro di un anno, andrà a valutare la normativa e il suo impatto sul mercato del CF.

Come sottolineato dal commissario CONSOB, Vittorio Conti, l’Italia è orgogliosa di essere il primo paese in Europa ad avere adottato un regolamento per il CF. Il commissario ha inoltre auspicato che questo possa costituire un virtuoso esempio per tutta la società di come con la collettività si possa creare qualcosa di concreto, fidandosi gli uni degli altri.

Certo è che per sfruttare al massimo questa innovazione, c’è bisogno che gli Italiani superino i loro limiti culturali, abbracciando un atteggiamento un  po’ più aperto al rischio e meno avverso al fallimento, sia dalla parte degli investitori che da quella degli imprenditori. Altrimenti il CF non decollerà mai, proprio come è successo al private equity in Italia.

Se volete avere più dettagli, sotto trovate le slides riguardo al regolamento presentate oggi(scusate la qualità un po’ scadente).

 

A few hours ago at a conference organized by Mission Continuity, in Milan, D’Agostino, the vice-director of  CONSOB – the Italian financial authority- gave some spoilers regarding the law concerning equity crowdfunding, which will be released tomorrow or on Monday at latest.

From the presentation of the vice-director, the following points were highlighted as new compared to the open-hearing text released in March (see the post about it):

  • The innovative startups are now allowed to register on the CF portal, even without having a professional investor who has already agreed to commit at least the 5% of the capital offered by the company. The accredited investor is only needed in order to start to raise capital on 
  • Incubators are now included among the categories of accrediated investors allowed to lead the investments on equity CF.
  • For the CF platforms managers it is forbidden to practice any interlocking activity, that is they cannot use their names and their professionalism to manage other CF portals. They also cannot consult any crowdfunder on the investments.
  • Non-executive administrators of CF platforms saw their requirements lowered to the extent that now they are not required anymore to have had experiences in the financial sector, before joining the platform. This requirement, however, remains for the platforms’CEOs.
  • More informational guarantees are requested to the crowdfunders, who now are have to take a test to show they are aware of the risks they are taking when investing and that they can afford the possible loss of the amount invested.

Last but not least the CONSOB set some indicators, that will be used to evaluate, in one year time, the impact the law had on the CF market.

As the CONSOB commissary, Vittorio Conti, said, Italy is proud to be the first country in Europe to adopt a law for equity CF. Mr. Conti has further wished that this can become an example for the entire society of how the community can create something concrete, just by trusting each other.

Nevertheless, to unleash the full potential of equity CF it is necessary that the Italians overcome their cultural limits, embracing a more open to risk and less failure adverse attitude, both on the investors side and on the entrepreneurs side. Otherwise it will never grow and develop as it happened with private equity in Italy.

Below you find the slides of the presentation of CONSOB about the law for equity CF. ( Sorry it is in Italian only! However if you should have questions do not hesitate to contact me).

 ImageImageImage

Image

Image

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...